I Nostri Maestri

Lama Gangchen Rinpoche è il fondatore della tradizione NgalSo. Lama Michel Rinpoche e Lama Caroline sono i detentori del lignaggio. 

 

 

Lama Gangchen Rinpoche

Lama Gangchen Tulku Rinpoche è il detentore di un lungo e ininterrotto lignaggio di lama guaritori e maestri tantrici. Ha una profonda conoscenza della relazione interdipendente tra il corpo e la mente e ha sviluppato la capacità di comprendere le cause e le condizioni della malattia sia mentale che fisica, che va oltre i semplici sintomi fisici. Pertanto è in grado di aiutare molte persone a superare e guarire i loro problemi fisici e mentali, aiutandoli a ricollegarsi con la loro più profonda energia di autoguarigione di puro cristallo.

Nato nel 1941 a Drakshu, un piccolo villaggio del Tibet occidentale, fu riconosciuto in tenera età come reincarnazione di un lama guaritore e all’età di cinque anni fu investito con il titolo di guida spirituale (messo a capo) al monastero di Gangchen Choepeling. All’età di dodici anni ha ricevuto il diploma “kachen” che solitamente viene conferito dopo venti anni di studio. Fra i tredici e i diciotto anni, ha studiato medicina, astrologia, meditazione e filosofia in due delle principali università monastiche del Tibet: Sera e Tashi Lhumpo. Lama Gangchen ha studiato inoltre a Gangchen Gompa, Tropu Gompa e nel monastero di Neytsong. È stato discepolo di alcuni dei più importanti Lama della tradizione Ghelupa, come S.S. Trijchang Rinpoche.
Nel 1963, andò in esilio in India dove continuò gli studi per i sette anni successivi all’università “Varanasi Sanskrit” di Benares
.

 

Nel 1970, ha ricevuto il grado di Geshe Rigram (simile ad un dottorato) dall’università monastica di Sera, nell’India meridionale. Dopo la sua laurea, lavorò come lama guaritore nelle Comunità tibetane in Nepal, in India e nel Sikkim. Ha salvato la vita di molte persone ed è stato nominato medico privato della Famiglia Reale. 

Lama Gangchen visitò l’Europa per la prima volta nel 1981, e nello stesso anno ha aperto il suo primo centro europeo: Karuna Choetsok a Lesbo, in Grecia. Qui ha piantato un albero della bodhi nel “giardino di Buddha”, dando così inizio alla consacrazione di una vasta serie di statue, thanke e immagini di Buddha per la pace nel mondo.

Da allora ha viaggiato molto – oltre 50 paesi in tutto il mondo – sia come guaritore che per gli insegnamenti di pace, l’educazione non formale e le scienze interiori. Durante questi anni ha guidato molti pellegrinaggi in tutto il mondo verso alcuni dei più importanti luoghi santi della tradizione buddhista ma anche verso i siti sacri di altre confessioni religiose e spirituali.

Nel 1988 ha aperto il suo primo centro di dharma residenziale al di fuori dell’Asia: il Centro di Dharma della Pace “Shide Choe Tsok” a San Paolo, in Brasile e poco dopo, nel 1989, fu fondato il Kunpen Lama Gangchen a Milano, in Italia. Ora è il fondatore di numerosi centri di Dharma in tutto il mondo e nel 1992 ha istituito la Lama Gangchen World Peace Foundation LGWPF, una ONG affiliata alle Nazioni Unite. È anche promotore della proposta di creare un forum spirituale permanente all’interno delle Nazioni Unite, composto da rappresentanti di tutti i movimenti religiosi dediti alla creazione della pace nel mondo.

Lama Gangchen vive in Italia ad Albagnano ed è cittadino italiano.

 

 

 

Lama Michel Rinpoche

Lama Michel Rinpoche è nato nel 1981 a San Paolo, in Brasile, da una famiglia ebreo-cristiana. All’età di cinque anni la sua connessione con il buddhismo tibetano divenne evidente quando incontrò Lama Gangchen Rinpoche durante la sua prima visita in Brasile.
Negli anni seguenti Lama Gangchen Rinpoche e altri maestri hanno riconosciuto Lama Michel come un tulku: reincarnazione di un lama buddhista tibetano. Grandi Lama come Zopa Rinpoche, Dagyab Rinpoche e Ghelek Rinpoche hanno confermato che Lama Michel è la reincarnazione di Drubchok Gyawal Sandrup, Lama del Gangchen Chöpel Ling, un monastero in Tibet. Nel quindicesimo secolo, al tempo del primo Dalai Lama e all’inizio della scuola Gelugpa di Lama Tsong Khapa, Panchen Zangpo Tashi, una delle reincarnazioni di Lama Gangchen, fondò il monastero di Gangchen Chöpel Ling. Il suo successore, il secondo reggente del trono, fu proprio Drubchok Gyawal Sandrup, grande yogi e maestro che diede molti insegnamenti filosofici
.
All’età di dodici anni, Lama Michel decise spontaneamente di abbandonare la sua vita di tutti i giorni per intraprendere la vita monastica nel sud dell’India. Si trasferì presso il Monastero di Sera Me – università monastica con quattromila monaci – e per dodici anni ricevette l’addestramento tradizionale che viene fornito ai lama.

 

Dal 2004 vive in Italia con il suo maestro Lama Gangchen Rinpoche. Dal 2006 al 2015, Lama Michel ha trascorso due mesi all’anno studiando presso il monastero Tashi Lhunpo a Shigatse, in Tibet, sotto la guida dell’abate Kachen Losang Puntsok Rinpoche, uno dei principali maestri viventi del Tibet. Ha studiato filosofia, tantra, medicina e astrologia completato la sua formazione in filosofia buddhista, pratiche di meditazione, Lam Rim, Lo Djong e Vajrayana.

Il suo nome tibetano è Chang Chub Chopel Lobsang Nyetrab, che significa “Saggia e famosa mente illuminata che diffonde il Dharma con successo”.

Sin dalla più tenera età, Lama Michel ha viaggiato per il mondo a fianco di Lama Gangchen Rinpoche, tenendo discorsi e insegnamenti ai suoi amici e discepoli in un modo molto amorevole e gentile. Oggi Lama Michel dedica la sua vita a condividere la sua conoscenza ed esperienza in tutto il mondo in diversi contesti formali e informali come conferenze, congressi, insegnamenti, ritiri, nelle scuole e nelle università, attraverso i social media ecc. Con la sua chiarezza, compassione e saggezza condivide la profonda e vasta filosofia buddhista in modo eccellente, perfettamente adattata ai bisogni delle persone della società contemporanea.

Lama Michel guida vari centri di dharma in tutto il mondo, come il Centro de Dharma da Paz in Brasile e l’Albagnano Healing Meditation Centre o in Italia.

 

 

 

 

Lama Caroline

Lama Caroline, Dorje Khanyen Lhamo, è nata in Inghilterra nel 1965. Da bambina era affascinata dalla scienza e dall’esplorazione spaziale. Mentre studiava fisica all’Università di Londra, iniziò a sentire che l’approccio scientifico alla realtà era troppo esterno e concettuale, e si interessò alla meditazione e alla filosofia buddista per esplorare esperienzialmente lo spazio interiore.

Dal 1986 al 1991 ha studiato il Buddismo Kadampa in Cumbria (Inghilterra) con Geshe Kelsang Gyatso e i suoi discepoli più stretti. Nel 1988 è stata riconosciuta dal World Peace Protector come base fisica di Dorje Khanyen Lhamo (La Dea che Sostiene e Trasmette la Parola Vajra di Buddha). Nel 1991 ha incontrato il suo principale maestro spirituale, Lama Gangchen Rinpoche, e, colpita dal suo approccio moderno e aperto alla spiritualità, ha iniziato a studiare e collaborare con lui.
Da allora lo ha accompagnato in numerosi viaggi di insegnamento e pellegrinaggio in tutto il mondo, promuovendo i metodi di Autoguarigione Tantrica NgalSo, l’educazione non formale e il dialogo interreligioso.

Nel 2000, in Tibet, è stata riconosciuta da Lama Gangchen Rinpoche come lama e come detentore del lignaggio degli insegnamenti di NgalSo.

 

Ha conseguito un diploma in Studi Interreligiosi presso la Open University (Regno Unito), un MA (con merito) in studi buddhisti presso l’Università di Sunderland (Regno Unito). La sua tesi si è concentrata sullo studio dello stupa mandale di Borobudur dell’isola di Giava. Ha studiato intensivamente la traduzione tibetana e sanscrita presso l’ ITAS (The Institute of Tibetan and Asian Studies, Spain).

Lama Caroline ha aiutato Lama Gangchen Rinpoche a scrivere tutti i suoi libri. Tra gli altri progetti, sta attualmente curando il Lama Gangchen Sungrab Ngelso Gyatso – la raccolta di opere di Lama Gangchen che costituiscono la base della tradizione NgalSo.

Nel corso degli anni ha partecipato a numerosi ritiri di meditazione. Insegna in tutto il mondo per la filosofia buddista, il tantra, la medicina, lo yoga e l’astrologia.


Compassione illimitata: Possano tutti gli esseri senzienti essere liberi dalla sofferenza e dalle sue cause

X